Minji Moon

di Claudia Marabita

@minjimoon

Le illustrazioni fluttuanti di Minji Moon.

Minji Moon è alla ricerca di un modo astratto di rappresentare la bellezza. Colori accesi, forme semplificate e movimenti ondeggianti: i protagonisti delle brevi animazioni dell’artista fluttuano lentamente dentro il frame, e hanno un fascino irresistibile. Sarà per questo che, nonostante il suo account Instagram sia attivo da poco più di quattro mesi, le GIF di Minji Moon hanno già attirato l’attenzione – e il regram – delle realtà più cool come @refinery29 e @jasoncampbellstudio.

Cominciamo dalle basi. Vuoi raccontarci qualcosa di te?

Mi chiamo Minji Moon, e sono un’illustratrice e motion graphic designer. Sono interessata a lavorare sul movimento: i miei personaggi sono rilassati e immobili, ma vivono, respirano, guardano. Sto cercando di dare l’impressione di un movimento rilassato ma affascinante. Il mio scopo è trovare un modo astratto di rappresentare la bellezza, attraverso un equilibrio fra oggetti e colori.

Quali sono le fonti d’ispirazione e i riferimenti artistici della tua estetica colorata e vivace?

Guardo a tutte le manifestazioni del design, dall’architettura alla motion graphic. Ogni disciplina si esprime in modo differente, ma si può individuare uno scopo comune a tutte: cercare di dare alle cose un aspetto migliore.
Per esempio, Casa Gilardi di Luis Barragàn è un’opera architettonica, ma grazie alle proporzioni ben bilanciate e a un buon uso del colore, può apparire come un grande quadro astratto a seconda dell’angolo da cui la si guarda.

On the waves of love from Minji Moon on Vimeo.

I tuoi personaggi sono spesso donne, e sembrano potenti e in armonia con l’Universo. Come scegli i tuoi soggetti?

Cerco di fare in modo che i miei personaggi siano capaci di innescare un’interazione con le persone. L’aspetto più importante è che nessuno di essi abbia caratteristiche specifiche che possano ricordare qualcun altro: rappresentare la figura umana con forme stilizzate e colori che non siano collegati a nessuno stereotipo fa sì che un personaggio venga considerato per sé; in questo modo è più facile che le persone si sentano vicine e in sintonia con esso.
Guardano The Sun, molte persone mi hanno detto di aver riconosciuto sé stessi nella figura rappresentata: questo mi ha resa felice.

The sun from Minji Moon on Vimeo.

Nella serie Girls, esplori le diverse identità visuali delle donne. Quanto ritieni sia importante aprire un dibattito sulla femminilità oggi?

Preferisco disegnare il corpo femminile, rispetto a quello maschile: mentre la figura di una donna può essere rappresentata con l’uso di poche linee curve, disegnare un uomo per me richiede l’uso di una linea retta spezzata. Non solo preferisco le linee curve, ma trovo interessante il contrasto tra la morbidezza di queste e la forza e l’indipendenza che possono esprimere. Voglio rappresentare una femminilità che può essere vista da diverse prospettive.

Hai studiato a Seoul e attualmente vivi a New York: in che modo queste due città influenzano la tua espressione artistica?

Seoul e New York sono entrambe vibranti e animate. Ogni cosa cambia giorno dopo giorno, le persone sono pronte a cogliere le ultime novità e le tendenze, e sono abituate a ricevere ogni giorno moltissime informazioni. Questi aspetti mi aiutano a tenere una tensione artistica che mi spinge a creare sempre qualcosa di nuovo. Non sempre nuovo vuol dire migliore, ma credo che spesso porti a risultati interessanti.

Com’è il tuo rapporto con i social media?

Creso che per un artista, Instagram sia una piattaforma efficace per la promozione del proprio lavoro.
Ho aperto il mio account solo quattro mesi fa, ma grazie a esso ho già avuto molte opportunità: il mio lavoro è stato postato su alcuni account famosi – come @refinery29, @jasoncampbellstudio, @artparasitesofficial e @theartidote – e così mi sono stati commissionati diversi progetti e sono stata invitata a festival e mostre.
Inoltre le persone possono mostrare il loro lavoro a moltissimi utenti tutto il mondo: attraverso le statistiche, so di avere followers da Stati Uniti, Corea del Sud, Francia, Brasile e Italia. In definitiva, credo che entrare nella community di Instagram sia stata una buona scelta.

Hug from Minji Moon on Vimeo.